Dissonanzen al Riot-Dialettiche del suono

Da sabato 1 marzo alle 20.30 con il concerto Scrittura o improvvisazione? I Microexercises di Christian Wolff al via quattro appuntamenti di musica contemporanea organizzati da Dissonanzen e Riot Sudio in collaborazione con ‘Namusica. 

 

ingresso riservato ai soci. 

Il costo della tessera Riot studio 2014 è di 10 euro

Per tesserarsi e partecipare all'evento

inviare una mail di prenotazione a info@riotstudio.it

con nome, cognome, data, luogo di nascita.

 

La tessera potrà essere ritirata il giorno dell'evento

oppure nei giorni precedenti.

per tutte le info 08119522929

 

 

Quattro appuntamenti in cui è fondamentale la presenza di un forte elemento dialettico, di una polarizzazione, nel fare e concepire la musica, tra due elementi apparentemente inconciliabili. Nel primo concerto il dialogo, apparentemente impossibile, è quello tra la scrittura e l’improvvisazione. 

Per la prima serata un ospite internazionale come David Ryan, esponente di spicco della musica contemporanea inglese, membro della London Improviser’s Orchestra, poliedrico artista e clarinettista, impegnato anche nelle arti visive. Ryan si esibirà con il flautista romano Gianni Trovalusci, altro ospite della serata, e l’Ensemble Dissonanzen in un concerto incentrato sull’impervio e affascinante luogo-non luogo che separa l’interpretazione di un testo dall’improvvisazione. 

Protagonista del primo appuntamento la musica di Christian Wolff, con cui Ryan ha lavorato più volte a stretto contatto. Wolff compositore americano, è stato esponente negli anno Sessanta, insieme a Cage, Feldman, Brown e Tudor della New York School, fucina di musica contemporanea e non solo. 

Durante la serata si ascolterà una scrittura musicale che è volutamente aperta, ossia che si presta ad un forte intervento dell’interprete, che riscrive di fatto la partitura durante l’esibizione. La prospettiva comporta un cambiamento di mentalità rispetto alle abitudini musicali: una mentalità che prescinde dal direttore d’orchestra. La partitura si trasforma in un sistema fondato su regole base all’interno delle quali c’è libertà d’azione. Un concerto che confluirà in una nuova pubblicazione discografica dell’Ensemble Dissonanzen. 

 

Sabato 1 marzo 2014 ore 20.30

Scrittura o improvvisazione? I Microexercises di Christian Wolff

David Ryan, clarinetto

Gianni Trovalusci, flauti

Ensemble Dissonanzen

Tommaso Rossi, flauto

Marco Sannini, tromba

Marco Vitali, violoncello

Marco Cappelli, chitarra

Francesco d’Errico, tastiere

Ciro Longobardi, pianoforte

 

Gli appuntamenti continueranno:

sabato 22 marzo 2014

Musicista o internauta?, il dialogo tra compositore e interprete nel mondo del ciberspazio. La singolare interattività tra chi scrive musica e chi la interpreta genera un nuovo modo di fruizione. Daniele Colombo al violino eseguirà musiche di Gene Pritsker, Jeff Manookian, Nobuyoshi Tanaka, Matthew Bridgham, Luis Mihovilcevic.

 

Sabato 12 aprile 2014

Acustico ed elettronico il dialogo è tra pianoforte e nastro magnetico, la musica dal vivo interagirà con musica preregistrata lasciando spazio all’improvvisazione, al pianoforte Ciro Longobardi che eseguirà musiche di Jean Luc Ferrari, Exercises d’improvisation (1977) e À la recherche du rythme perdu (1978), un lavoro confluito in una pubblicazione per l’etichetta Stradivarius.

 

Sabato 10 maggio 2014

Sonar per gli elfi In musica seclusus, il dialogo si instaura tra la musica e il silenzio (e i suoni) della natura. Claudio Lugo al sassofono (in dialogo con Marco Vitali). Diario di viaggio con sax in Groenlandia, Islanda, Lapponia, Terra del Fuoco, in Montenegro, sull’Atlante e nei deserti del Gobi, del Namib e del Kalahari.