Assunta Spina

 

Assunta Spina (1915)

di Gustavo Serena

con Francesca Bertini, Gustavo Serena

Testi di Salvatore Di Giacomo

è un progetto di Dissonanzen e di Progetto Sonora Network & Performing Arts

a cura della rete ‘NAMUSICA

 

ENSEMBLE DISSONANZEN

Enzo Salomone, adattamento testi  e voce recitante

Tommaso Rossi, flauti

Marco Sannini, tromba e flicorno

Francesco D’Errico, sintetizzatore, elaborazioni elettroniche

Ciro Longobardi, pianoforte

 

Assunta Spina, giovane e bella ragazza che vive nei dintorni di Napoli, è fidanzata con Michele e corteggiata da Raffaele. Durante una festa la ragazza provoca la gelosia di Michele, che, per vendicarsi, la sfregia. Viene condannato a due anni di reclusione da scontare nel carcere di Avellino…Tratto dal dramma omonimo di Salvatore Di Giacomo, fu filmato nelle strade di Napoli con notevole sforzo produttivo. Ambientato nei rioni popolari, è un film a sfondo drammatico, accentuato da tinte tragiche che fecero gran presa su un pubblico d'inizio secolo abituato per lo più all'emotività marcata delle rappresentazioni teatrali.Il valore dell'opera è riconducibile non soltanto al nodo narrativo, ma soprattutto all'adattamento dei set e al retroscena in movimento di carattere realista. Nel cast svetta l’interpretazione di Francesca Bertini, qui probabilmente all’apice della maturità artistica: dai resoconti dell’epoca risulta che la grande attrice collaborò alla sceneggiatura, oltre a dare il suo aiuto anche durante le riprese del film.Dissonanzen ha scelto di articolare lo spettacolo su tre livelli di comunicazione: immagini, parole, musica. Stavolta, però, la parola si trasforma in vera e propria letteratura: i bellissimi testi originali di Salvatore Di Giacomo entrano in gioco. Le immagini del film vengono contrappuntate da liriche, gruppi di versi, talvolta semplici frammenti recitati. L’Ensemble si prende carico dell’interazione sonora con il film, facendo peraltro largo uso di campioni preregistrati di “suono napoletano” che qui entrano a pieno titolo nel gioco d’improvvisazione.

 

25/01/2013 • 19:00 • Napoli
Museo Madre