MORTON FELDMAN (1926-1987) TRIADIC MEMORIES

Un capolavoro del tardo novecento musicale. Una performance unica di circa 90 minuti sospesa nel affascinante spazio acustico della Basilica di Santa Maria Maggiore alla Pietrasanta, con i suoi silenzi e i suoi echi. Un’autentica avventura d’ascolto.??“Ciò che le forme musicali occidentali sono diventate è una parafrasi della memoria. Questa, tuttavia, può operare anche in maniera diversa. Triadic Memories è uno sforzo cosciente di formalizzare il disorientamento della memoria. Si sentono accordi ripetuti senza un modulo riconoscibile. In questa regolarità…c’è la sensazione che ciò che sentiamo è funzionale e direzionale, ma subito realizziamo che si tratta di un’illusione….” ?(Morton Feldman)???“…l'ascoltatore viene a trovarsi in una dimensione indefinita e impalpabile, in uno stato di sospensione perenne che non si può dire né immobile, poiché c'è un'evoluzione costante, né dinamica, poiché l'effetto è piuttosto quello della staticità. L'intero pezzo è mantenuto costantemente su una dinamica del piano, costringendo l'ascoltatore a fare silenzio dentro di sé per cercare di sintonizzarsi su questo mood senza luogo e senza tempo.”?(Fabio Strada, All About Jazz Italia)
 

10/12/2010 • 21:00 • Napoli
Basilica di Santa Maria Maggiore alla Pietrasanta